cattive abitudini dei clienti

I tuoi clienti hanno qualche cattiva abitudine che ti fa impazzire? Purtroppo questi clienti ci sono in tutti i centri estetici, indipendentemente dalla località in cui si trovano o dal target a cui si rivolgono. A volte sono cose che i clienti fanno talmente tanto abitualmente che neanche sembrano accorgersene, ed è faticoso anche fargli capire il loro comportamento scorretto. Vediamo se qualcuna di queste situazioni ti sembra famigliare:

Cattive abitudini dei clienti e come gestirle

Il ritardatario cronico
Avete anche voi quel cliente sempre in ritardo? Difficile da gestire, difficile da accontentare, il problema con i ritardatari è che danneggiano i clienti successivi e tutta la pianificazione delle attività centro estetico. Una soluzione soft è quella di scontare il tempo perso eliminandolo dal trattamento, quando possibile: se il ritardatario ha prenotato un trattamento di un’ora usufruirà solo del tempo rimasto. La soluzione definitiva invece per liberarsi del problema è riprogrammare l’appuntamento, anche a costo di perdere il cliente. Ovviamente la vostra policy sul ritardo deve essere chiara a tutti, affissa nella bacheca del centro, pubblicata sul sito e comunicata anche al momento della prenotazione, solo così eviterete le contestazioni dei clienti.

Quello che cambia idea
Questo succede soprattutto nel make-up e nella nail-art: i clienti che ti fanno tirare fuori un milione di colori e campioni, indecisi nella scelta e insoddisfatti alla fine del servizio.
Di solito questo problema si supera quando si conosce bene il cliente e quando si offre un servizio di consulenza make-up in grado di mostrare le competenze dell’operatore e fugare i dubbi del cliente. Ma questo non esclude a priori l’incontro con il cliente indeciso e insoddisfatto.
Un modo per gestirlo è quello di far precedere al servizio una mini consulenza in cui parlare dei desideri del cliente e del make-up giusto per le sue caratteristiche. La stessa cosa si può fare prima di iniziare con il nail-art.

Il cliente iperconnesso
Non vuole mollare il telefono neanche in cabina, vuole fare le dirette Instagram durante il trattamento viso, fotografare la pedicure e chiacchierare con l’amica in ogni momento. La situazione non è facile da risolvere: avere clienti sempre connessi aiuta sicuramente la promozione del nostro centro estetico, ma a volta ostacola anche il lavoro. L’ideale sarebbe creare una zona free, cioè senza cellulari e invece sistemare una dock station per la ricarica dei cellulari, magari da lasciare in un angolo particolarmente instagrammabile, dove i clienti iperconnessi possono sfogarsi prima di entrare in cabina.

Related Posts

Leave a reply



Iscriviti alla nostra newsletter!