fbpx
News Sales e Marketing

Colorazioni cambiacolori: la tecnologia applicata al settore beauty

Chi non si ricorda quei buffi animaletti souvenir che cambiavano colore con il cambio del clima? Lo stesso principio è stato applicato nel tempo ad altri oggetti, e oggi è stato sperimentato anche come colorante per il capelli.

La società inglese The UnSeen, sta infatti utilizzando tecnologie per le variazione cromatiche applicate a diversi oggetti molto più interessati dei souvenir cambiacolori: tessuti che cambiano colore a contatto con sostanze inquinanti, condizioni atmosferiche, vento e tatto.

L’ultima innovazione però, presentata alla London Fashion Week, è una colorazione per capelli che reagisce alle temperature ambientali, disponibile in diverse tonalità che possono cambiare dal nero (freddo) al rosso (caldo), dal nero al bianco, dall’argento al blu, dal blu al bianco e dal nero al giallo. Il processo si ispira a quello che avviene naturalmente nella pelle umana, dove avviene una regolazione naturale della temperatura: una piccola dimostrazione si può vedere nel video qui sotto: in questo caso la colorazione passa dal nero al rosso per un cambio di temperatura ambientale, ma variazioni possono aversi anche con il cambio della temperatura corporea (se arrossite quindi può cambiare anche il colore dei vostri capelli).

In precedenza erano già stati utilizzati inchiostri termocromici ma si sono dimostrati altamente tossici per la pelle umana, così Lauren Bowker (la chimica che lavora nell’azienda The UnSeen e che è conosciuta negli ambienti della moda “The Alchemist” (l’alchimista), ha riformulato il prodotto, attualmente in fase di test, per evitare danni al cuoio capelluto e alle fibre dei capelli stessi.

Oltre a creare un modo nuovo e divertente di sperimentare con le colorazioni cambiacolori per i capelli, Lauren Bowker spera di ispirare sempre più giovani donne a farsi spazio nel settore STEM (acronimo di Science, Technology, Engineering and Math) e ad innovare il mondo del fashion e del beauty (e non solo).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter!