fbpx
News

Come parlare alle donne della menopausa

menopausa

Oggi non parleremo di Natale e di strategie natalizie, di cose da fare ne avrete già tantissime e consigli di marketing ve ne abbiamo già dati in vari articoli.

Invece parleremo di un argomento tabù, che invece può rappresentare un punto di crescita e di miglioramento dei vostri servizi: la menopausa! Abbiamo già parlato tanto di come avvicinare target più giovani, ma non ci siamo ancora mai soffermati su come approcciare invece il nostro target di punta.

Ne parliamo anche perché molti brand stanno cercando di avviare una comunicazione ma nessuno finora è riuscito a coinvolgere e a soddisfare il mercato della menopausa. Queste informazioni sono disponibili in un report pubblicato nei giorni scorsi da GenM, la piattaforma educativa inglese che sta cercando di creare una community sul tema, dando informazioni e supporto, e non a caso intitolato “Il report dell’invisibilità”.

Il report in particolare ci racconta come il 91% dei consumatori in menopausa non ha mai visto alcuna pubblicità o marketing specifico per prodotti mirati alla fine del ciclo mestruale.

Più della metà delle donne in menopausa per esempio desidera che le commesse dei negozi siano meglio istruite sulle loro esigenze di acquisto e che i marchi rendano i prodotti della menopausa accessibili in negozio, e perché non approfittare di questa richiesta di aiuto anche nel centro estetico? Preparando e proponendo trattamenti e prodotti efficaci per trattare al meglio i disturbi ma anche le insicurezze derivate dalla menopausa.

Un ulteriore 43% delle donne in menopausa infatti vorrebbe che i brand avessero prodotti giusti per aiutare chi entra in menopausa, oltre a includere informazioni più chiare sui loro siti web.

Insomma, mancano le informazioni anche quelle più importanti (molte donne ignorano per esempio i sintomi della menopausa precoce o non ne conoscono proprio l’esistenza!) e mancano anche prodotti, e perché no, trattamenti, in grado di supportare le donne in questo importante cambiamento. È questo sembra proprio il momento giusto per pensarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti alla nostra newsletter!

CAPTCHA