fbpx
News

La crescita degli acquisti online durante il lockdown

ecommerce lockdown

Con i negozi chiusi e tanto tempo da passare dentro casa molti italiani hanno sperimentato per la prima volta l’esperienza degli acquisti online: durante la quarantena lo shopping online è stato adottato da ben 3 italiani su 4.

Secondo i dati raccolti da Ipsos nel suo sondaggio sull’evoluzione dei consumi online nel periodo del post lockdown, “l’Italia è il Paese in cui la frequenza delle pratiche di shopping online è aumentata di più negli ultimi mesi, segnando addirittura un +31%. Si tratta di un dato quasi doppio rispetto a Francia (+16%) e Regno Unito (+18%), Paesi dove eCommerce in fase più matura hanno avvertito meno il fattore lockdown.”

Con questi numeri l’ecommerce non è più un’opzione supplementare rispetto alla vendita diretta, ma diventa fondamentale per il bilancio di tante piccole attività.

Ma tutti quelli che hanno fatto acquisti durante il lockdown continueranno ad acquistare online? Secondo l’indagine Ipsos, il 37% degli italiani ha intenzione di acquistare online addirittura di più nei prossimi 6/12 mesi e di utilizzare (1 italiano su 3) sempre meno contante in favore di mezzi di pagamento digitali (in epoca pre-covid avevamo già parlato di come stanno evolvendo tutti i mezzi di pagamento digitale, trovate l’articolo a questo link).

Gli acquisti online degli italiani sembrano orientati in direzione dei prodotti per l’igiene e la cura della persona e dell’ambiente domestico (44%), un’occasione perfetta per tutti i centri estetici che vogliono implementare negozi online per la vendita diretta di prodotti. Un aumento enorme anche per i prodotti alimentari (31%) e di medicinali (29%) e anche per gli acquisti di vestiti e accessori (44%) e apparecchiature elettroniche (34%).

L’unico problema riscontrato nel sondaggio è invece nella fase di consegna: 1 italiano su 2 si lamenta di tempistiche troppo lunghe, mancata ricezione dei prodotti o prodotti arrivati danneggiati. Se c’è quindi un freno alla crescita dell’e-commerce, purtroppo, si trova nella logistica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Iscriviti alla nostra newsletter!

CAPTCHA